Archive for novembre 2007

Rino Gaetano
novembre 25, 2007

La fiction sul sopracitato cantautore trasmessa in rai due settimane fa, anche se registrata, fra un impegno e l’altro non sono ancora riuscito a guardarla. Ma dopo voci come queste, beh, mi passa proprio la voglia di farlo.Innanzitutto, Rino Gaetano è mio e non si tocca. Dal momento in cui ho sentito che avrebbero girato una fiction su di lui, un senso di gelosia e possessività verso il mio cantautore preferito, ha iniziato a non darmi pace. Una sensazione simile l’avevo avuta alla notizia precedente lo scorso Sanremo, secondo la quale Paolo Rossi avrebbe cantato una sua canzone inedita.Prima mi rincresceva il fatto che un grande personaggio come Rino non avesse avuto la fama che si meritava. Poi, dal momento in cui v’è stata la possibilità ch’egli diventasse più famoso, ho rimangiato tutto quello che dicevo. Lo ripeto: Rino è solo mio e di pochi altri. Non potete averlo! Dovete guadagnarvelo! Rino deve rimanere conosciuto a pochi. Ai pochi che se lo meritano. E’ anche questa la sua potenza.Premesso ciò, ok, volete fare una fiction come quella che farete su Celentano o su Costanzo? Ok ma fatela veritiera almeno…Ora deciderò se guardarla oppure no.Ah, “Sandro trasportando” l’ho sentita per la prima volta da poco. E’ molto bella, condividete?Ciao Rino!

Annunci

Vanna Marchi e Berlusconi
novembre 22, 2007

Vanna Marchi ha aperto un nuovo centro di bellezza (Vanna Marchi-bellezza) e Berlusconi ha fondato il partito del popolo tutto suo (Berlusconi-popolo)…E’ come se dj Francesco aprisse una scuola di canto. E’ come se Flavia Vento insegnasse logica-matematica all’università degli studi di Milano. E’ come se Emilio Fede facesse del giornalismo. E’ come se il nuovo Pd facesse della politica di sinistra. E’ come se Gerry Scotti aprisse un centro dietetico. E’ come se Grillo partecipasse ad un reality. E’ come se la RAI fosse pubblica. E’ come se la chiesa cattolica facesse della beneficenza. E’ come se papa Ratzinger insegnasse alle persone ad essere buone. E’ come se un prete non si facesse le seghe sotto le lenzuola prima di addormentarsi. E’ come se gli italiani non fossero razzisti. E’ come se nel nostro paese ci fosse libera informazione. E’ come se i giovani di oggi preferissero la figa al calcio e alla droga. E’ come se i dj famosi facessero della musica. E’ prenderci per il culo. E’ semplicemente prenderci per il culo. Vanna Marchi l’hanno fatta vedere in tv già 10 volte in 2 giorni. E’ il TG la cancrena, non i personaggi come Vanna. Lei non la sopporto, da buon bipede. Ha rubato miliardi di vecchie lire raccontando di fare magie per guarire le persone e fare del bene e tutto il resto. La chiesa fa tutto ciò da mmm un paio di migliaia di anni, sapete?Per quanto riguarda coso… del partito nuovo del popolo, che ve lo dico a fare…

Corpi nudi e tecnologia
novembre 19, 2007

La particolare incredulità del giornalismo verso la tranquilla scioltezza con cui i giovani vivono la loro serenità sessuale mi spiazza.Scusate, guardate questo servizio del corriere, su Paris Hilton che si fa riprendere mentre fa la doccia.La voce della giornalista dice che l’ereditiera affermava di “voler tornare ad essere una brava ragazza”, ma che, da ciò che si vede nel filmato, non sembrerebbe proprio. Definiscono il bagnetto col culetto al vento un eccesso…Un eccesso… suvvia, ogni donna sana di mente, si fa riprendere o fotografare nuda dal proprio ragazzo o dall’amichetto con la videocamerina o col cellulare nuovo, almeno una volta nella vita… Non c’è bisogno di Paris Hilton.Questo di Paris è solo un esempio. Io provo sempre più compassione per questa classe di giornalisti. Reputano ad esempio un filmatino hard amatoriale di una coppietta innamorata, uno scandalo… hanno sostituito le professoresse per via di saltuarietà di rapporti e di scarsa interpretazione serena e focosa del sesso. Sono rimasti solo loro a seguire la via cattolica del “no, non si fa”…Allora cari giornalisti: è da persone normali riprendere la propria fidanzata mentre ci fa un pompino o mentre si lava in doccia contenta di mostrare la propria nudità, per poi nascondere il video in una cartella sul pc protetta da password. Lo fanno tutti. Ed è ancora più normale, passato qualche istante, appoggiare l’aggeggio tecnologico sul comò e farsi una sana scopata… non sapevate?

Approfittiamo della nostra stupidità
novembre 12, 2007

L’omicidio, volontario o involontario che sia, di quel povero ragazzo, non c’entra nulla col calcio.Ma siccome i giovani italiani rincoglioniti s’infiammano e spaccano le città per delle semplici partite di calcio non sospese (piuttosto che infuriarsi per la sorte del proprio futuro che questo paese gl’ha donato) e siccome noi italiani siamo ridotti talmente male da crederlo un fatto importante da discutere minuziosamente per settimane fra telegiornali e trasmissioni calcistiche, approfittiamone: sospendiamo il calcio in tv per sempre!

Girotondo intorno al mondo
novembre 9, 2007

girotondo.jpgQuando ero piccolo, di questi disegni, su grandi cartelloni, negli oratori, nelle scuole materne ed elementari, nei Grest estivi, se ne vedevano a bizzeffe. Quale struttura per giovani e bambini, in Italia, non aveva appeso al muro in vista un bel cartellone con tanti bambini bianchi, neri, gialli, rossi e blu che prendendosi per mano giravano intorno al mondo?Ora, non mi capacito d’una cosa: e adesso che è davvero così? Adesso che in prima elementare il nostro bimbo si trova in classe con tanti bambini di tutti i colori, che facciamo? Non lo facciamo più il girotondo intorno al mondo? Adesso ci rimangiamo tutto quello che abbiamo detto e, anzi, ci preoccupiamo che nostro figlio possa crescere in una società mista?Eh no, caro italiano benpensante, non si predica bene per poi razzolare in questo modo. Non si fa. Un po’ di coerenza.M’è saltata in mente questa cosa l’altro giorno, mentre a pranzo sentivo parlare questo stronzo.A tal proposito ho anche un tre-quattro cose da aggiungere:Come fa, sempre l’italiano medio, magari davanti alla tv, a pronunciare frasi del tipo “tornate al vostro paese”? Ci vuole per forza Einstein per capire che, se ci trovassimo nella loro situazione, verremmo qui anche noi? Che quoziente intellettivo minimo deve avere una persona per comprendere che quando si sta veramente male è inevitabilmente instintivo cercare di andare a stare meglio? Se, per “sfiga”, fossi nato, chessò, albanese, tu che stai leggendo, saresti venuto in Italia. Te ne rendi conto?Poi: in nome di quale popolo, di quale razza, forti di quali nobili origini, gli italiani non accettano lo straniero ed esercitano il loro razzismo? Indro Montanelli diceva “se c’è un popolo bastardo, è l’Italia” e condivido, amici miei. Siamo solo la conseguenza di una lunga confluenza di razze e flussi migratori. Siamo figli del via vai di persone che per anni ha attraversato il nostro paese.Poi anche: non sopporto che ad ogni stupro, se il colpevole è un rumeno, il telegiornale dice che la vittima è stata stuprata da un rumeno. Se invece il colpevole è italiano, la vittima è stata stuprata da un uomo. Sembra che sti rumeni abbiano inventato lo strupro. Toc toc, cervellini addormentati, gli stupri ci sono sempre stati… e la quantità di stupri da parte di italiani non è inferiore a quella da parte di stranieri. Toc toc. Gli stupratori sono uomini, che non sanno controllare i propri istinti bla bla, ma sono uomini. E’ chiaro che è più propenso allo strupro l’uomo che non ha niente, piuttosto che l’uomo con una casa, un lavoro, una donna, un’amante e dei figli; ma questo è un altro discorso; troppo lungo per questa sede.Poi cosa c’era ancora… a sì: lo sapete che la differenza di razze umane (colore, fisionomia del viso, ecc) è dovuta a cause solo ed esclusivamente climatiche? Ciò significa che se 20 persone bianche, 10 maschi e 10 femmine, si traferissero in Africa e si incrociassero soltanto fra di loro, fra un centinaio di generazioni, i figli dei figli dei figli eccetera, sarebbero tutti negri. Tu, lettore o lettrice, se fossi per caso nato in africa, saresti negro. Se pensi che la “bianchità” sia un merito, non te lo sei guadagnato, sei solo stato fortunato. Toc Toc.Un noto libro che ho avuto la fortuna di poter sfogliare parla dei 3 figli di Noè: uno bianco, uno nero e uno giallo. Si insomma, la chiesa s’è premurata bene di introdurre la parola razzismo, per creare e sventolare il grande valore cattolico della tolleranza… ma anche qui il discorso si allarga troppo.Dai su, smettiamola di generalizzare, giudichiamo gli uomini in quanto tali e smettiamo di guardare la televisione.Alla prossima.

Enzo Biagi
novembre 6, 2007

“…è meglio essere cacciati per aver detto qualche verità che restare a prezzo di certi patteggiamenti.” diceva il caro Enzo Biagi, quando il dittatore Berlusconi posò la sua possente mano divina su casa rai per maneggiare a suo piacimento l’informazione pubblica.Un sentito addio ad uno dei pochi giornalisti liberi, che non si piegavano al potere dei politici.Un sentito vaffanculo ai giornalisti schiavi che, oggi, lo venerano come un maestro e, domani, torneranno a leccare il culo ai loro padroni.