L’ingiustificato e incomprensibile rifiuto della propria natura umana

Pur essendo relativamente d’accordo con ciò che dice Ricci riguardo le persone sane di mente, oggi m’è capitato di guardare un tratto di Buona Domenica. Oltre ad avere constatato, anche quest’anno, l’indiscutibile futilità di questa trasmissione, ho potuto assistere, in parte, al dibattito di Paola Perego con don Sante Sguotti, un prete innamoratosi di una donna, con la quale condivide una realtà sentimentale “castamente”.Mi rivolgo direttamente a lui (ammesso che veramente non abbia rapporti sessuali con la sua amata): hai la fortuna, dopo svariati anni di intenso amore verso un Dio che non hai mai visto, di innamorarti di una donna, in carne ed ossa, e tu scegli la castità per manifestare il tuo sentimento verso di lei? Puoi vederla, sentirla, toccarla, annusarla e assaporarla! Forza, ce l’hai quasi fatta. Come si può trovare la forza di andare contro la natura umana, contro i propri istinti, con tanta cocciutaggine, quando l’attrazione amorosa (e quindi carnale) per una persona si manifesta proprio dentro di te?Ne discutevo con un amico oggi stesso. Mi chiede: “Come pretendi di affermare che l’amore per una donna sia più bello dell’amore verso Dio?” Una donna, esistendo, può condividere cotanto amore e, quindi, te la puoi scopare.

Annunci

2 Risposte

  1. pochi preti rispettano la castità, tantomeno questo. stai tranquillo.

  2. Dici? Lo spero per lui!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: